Archivio tag: Merryl Linch-Bank of America

Incontri a Londra

Pubblicato il 11 dicembre 2009 da Gianni Alemanno.

Questa mattina, nel corso della visita londinese, ho avuto un incontro con alcuni esponenti del Partito Conservatore britannico, fra i quali Edward Garnier, ministro ombra per gli Interni, per conoscere il programma con il quale i Conservatori si presenteranno alle prossime elezioni politiche nel Regno Unito. C’è una grande aspettativa per una cambio della guardia al numero 10 di Downing Street: un cambio della guardia che porterà questo nuovo Partito Conservatore, fortemente innovativo, e il suo leader David Cameron, a governare la Gran Bretagna dopo un lunghissimo periodo a guida Labour. Nel corso dei colloqui odierni sono stati affrontati molti temi sui quali c’è grande affinità fra Roma e Londra: forte sensibilità in merito alle tematiche ambientali, che vedono nel primo cittadino londinese Boris Johnson uno dei principali attori; una convergenza e un’attenzione politica sui temi dell’immigrazione; una visione comune di politica economica per affrontare crisi, partendo dalla riduzione del carico fiscale e quindi sul taglio delle spese. Rimane il problema dell’euroscetticismo presente nel Partito Conservatore. Credo tuttavia che questo aspetto sarà fortemente contenuto dalla sintesi politica alla quale sta lavorando David Cameron. Da questo punto di vista ritengo che sarà confermata la volontà da parte dei Conservatori di continuare lavorare in Europa, pur mantenendo le storiche autonomie del Regno Unito rispetto all’Unione Europea. Abbiamo invitato Edward Garnier e gli altri esponenti del Partito Conservatore a venire a Roma per illustrare il loro programma politico che sarà pubblicato a fine marzo, un mese prima delle elezioni. Si tratta di un programma di fortissima modernizzazione, basato sul riconoscimento dei valori conservatori identitari britannici.

Abbiamo avuto modo di confrontarci anche con Spencer Lake, Global Head Debt Market di Hbsc e con i rappresentanti della Merryl Linch-Bank of America, in merito alle politiche per il risanamento del debito anche attraverso i fondi immobiliari e per il lancio dei grandi progetti dell’Amministrazione comunale per lo sviluppo di Roma: le grandi infrastrutture, il Secondo Polo turistico, il Waterfront, la rivoluzione verde e il fotovoltaico. Si è trattato di un primo contatto che contiamo di approfondire nelle prossime settimane ma che ha già fornito molto spunti di riflessione e che si prospetta estremamente promettente per il futuro.