Archivio Stati Generali città di Roma

Stati Generali del Sociale e della Famiglia: appello al Governo

Pubblicato il 22 giugno 2012 da Gianni Alemanno.

Presentando in Campidoglio gli Stati Generali del Sociale e della Famiglia che si svolgeranno il 26 e il 27 giugno presso l’Auditorium Antonianum di viale Manzoni, ho ribadito come con questo convegno lanceremo un grido d’allarme nei confronti del Governo, rispetto ai tagli che si sono operati nella sfera sociale in questi anni. Tagli che vengono scaricati sui Comuni attraverso le Regioni e che rendono difficile garantire i servizi, una realtà effettiva di solidarietà, di comunità della nostra città, come in tutte le città italiane.

Noi stiamo facendo grandi sforzi da questo punto di vista, attraverso il valore di comunità, di sussidiarietà, di principio di partecipazione, attraverso cui cerchiamo di moltiplicare il valore di queste risorse; però ci vuole un punto di equilibrio: non si può continuare a tagliare sul sociale, bisogna ripristinare i fondi che c’erano nel 2008. Quindi da questo punto di vista il coinvolgimento dei ministri come la Fornero e Riccardi serve a creare una solidarietà tra le istituzioni per dare una risposta congiunta a un problema che non deve essere scaricato da un’istituzione all’altra.
Sarà una due giorni per dare visibilità al sociale che per noi è anche famiglia; un punto di riferimento per capire la nostra città, dov’è arrivata e dove deve andare. A questo appuntamento sono invitati tutti, anche Provincia e Regione.

LE FOTO

di C. Valletti

STATI GENERALI – CUTRUFO: La Sinistra con che coraggio…

Pubblicato il 23 febbraio 2011 da staff.

Riceviamo una nota del vicesindaco Mauro Cutrufo che riteniamo condivisibile anche sul blog di Gianni Alemanno.

“E sorprendente come una classe dirigente che si ritiene tale, che ha combinato i disastri noti, tali da indebitare per quarant’anni Regione Lazio e Comune di Roma, insulti un qualificatissimo e condiviso progetto per la città, sostenuto dalle propedeutiche grandi riforme, una per tutte Roma Capitale, a loro mai riuscita. Ed è sorprendente come in toni distruttivi cerchi ancora di danneggiare gli interessi della città”. “Una classe dirigente che sa governare, quando c’è di mezzo l’interesse superiore della città, può e deve anche criticare per migliorare, ma non distruggere. Alemanno non lo fece quando con la sua giunta non scelse di liquidare il Comune in dissesto ma di andare avanti sperando, vista anche la responsabilità colposa dei predecessori, in un comune lavoro per ristabilire gli equilibri finanziari. E’ intervenuto il Governo, è intervenuta la riforma di Roma Capitale e questo ci ha consentito di giungere oggi a questi Stati Generali con la speranza della ripartenza della Capitale e di credere nell’orizzonte olimpico. Questo è stato peraltro il commento unanime degli ospiti stranieri che erano presenti, le categorie ed i rappresentanti sociali numerosi nell’uditorio. Nel corso degli Stati Generali si è parlato anche di progetti in continuità col passato, privi però dei finanziamenti necessari anche se iscritti in bilancio. Un esempio per tutti la buca ed il buco della Nuvola, che nelle nostre mani viene rifinanziata e che fa parte del sistema che si chiama Secondo polo turistico che stiamo presentando al mondo da due anni. C’è un nuovo interesse nel mondo per Roma. Ma come al solito, una grancassa proveniente dalla stessa città per interessi di parte, tende a screditarla; continuando a denigrare Paese e città all’estero, dell’Italia non rimarrà più nulla.  Bisogna ritrovare per il bene comune, come si è ribadito anche stamattina, l’unità d’azione nel confronto di fronte alle grandi emergenze ed ai grandi obiettivi, pur nel rispetto delle reciproche culture. La maggioranza ha dimostrato con coraggio di voler fare il proprio ruolo; per questo proprio in questa due giorni c’è stato un riconoscimento nazionale ed internazionale. Basta ricordare le parole di Bonanni, della Marcegaglia, del presidente del Coni e naturalmente di Letta, Berlusconi e Tremonti. L’aeroporto – sottolinea Cutrufo – c’è stato lasciato in queste condizioni dopo 15 anni di Governo alternativo, ed è per noi la prima esigenza e priorità. Converrà che anche l’attuale opposizione se ne faccia carico. E’ necessario concludere il percorso istituzionale della Legge per Roma Capitale anche con la collaborazione di Provincia e Regione. Per finire, in merito alle allucinanti dichiarazioni sulla presunta responsabilità dell’amministrazione nella tragedia dei quattro bambini Rom – ha detto Cutrufo – non fa onore a nessuno strumentalizzare fatti atroci avvenuti in situazioni di degrado che tutti combattiamo, non solo per solidarietà e convinzioni personali ma in qualità di amministratori. Questa mia riflessione vale per questa amministrazione ma per tutti i tragici accadimenti che si sono succeduti negli ultimi venti anni”.

STATI GENERALI: 8000 accreditati, oltre 750 giornalisti, quasi 1 MILIONE di pagine viste

Pubblicato il 23 febbraio 2011 da staff.

«Alla chiusura alle 14.30 degli Stati Generali, abbiamo avuto risultati eccezionali: 8000 persone accreditate; oltre 750 giornalisti e foto cine operatori; quasi 1 milione le pagine web sull’evento visitate e 403mila i contatti che hanno seguito la due giorni in streaming: 310mila da computer e 102mila con smartphones».
Lo comunica Simone Turbolente, portavoce del sindaco Alemanno.