Archivio Sicurezza

NO A NUOVI IMMIGRATI, CAMPI NOMADI GIÀ FUORI CONTROLLO

Pubblicato il 24 luglio 2014 da duepuntozero.alemanno.

Altri 1200 immigrati sono in arrivo a Roma, mentre ad oggi anche i campi nomadi autorizzati risultano essere totalmente fuori controllo.
Dopo la revoca del mandato ai lavoratori di Risorse per Roma, oggi i campi autorizzati e tollerati sono diventati dei porti di mare senza nessun controllo e vigilanza, delle aree libere per lo sviluppo dell’illegalità.
Basta entrare nei campi per vedere cumuli di rifiuti abbandonati, automobili e cassonetti bruciati, i gabbiotti e le strutture della vigilanza devastati.
Questa è la Roma che si prepara ad accogliere, secondo gli accordi siglati con il Governo, dalle 1000 alle 6000 persone, per le quali verranno spesi mediamente 50 euro al giorno, risorse che vengono ulteriormente sottratte al controllo e all’accoglienza.
Il sindaco Marino deve rispondere di questa situazione e dell’atteggiamento arrendevole e passivo rispetto alle scelte volute dal Governo.
Roma non è in grado di accogliere altre persone e deve utilizzare le poche risorse rimaste a disposizione per ripristinare la sicurezza e la vigilanza nei luoghi i accoglienza e di controllo.

SRADICARE RACKET DEI NOMADI SU METROPOLITANE

Pubblicato il 22 luglio 2014 da duepuntozero.alemanno.

Le rivelazioni fatte in questi giorni da Il Messaggero sono sconcertanti. Si dimostra che il racket dei nomadi nelle metropolitane romane, invece di diminuire la sua pressione, s’inventa sempre nuove forme di estorsioni nei confronti dei cittadini.

Non solo bande di ragazzini organizzano nei convogli borseggi sistematici nei confronti dei passeggeri, ma adesso perfino fare un biglietto nelle emettitrici automatiche è diventato impossibile senza sottostare a un’estorsione.

Invece di continuare a indulgere con una tolleranza buonista che non fa che aggravare il problema, è necessario che il Comune di Roma e la Questura prendano degli immediati e radicali provvedimenti. Si deve far partire subito un’azione coordinata fra i vigilantes delle polizie private di Atac, vigili urbani e forze dell’ordine. I primi devono presidiare le emettitrici e i luoghi di passaggio degli utenti. Vigili urbani, polizia e carabinieri devono intervenire con un’approfondita inchiesta che porti all’arresto degli organizzatori di questi racket e all’affidamento dei ragazzini che vengono utilizzati per borseggi ed estorsioni.

Semplici interventi passeggeri sono inutili. Solo un’azione in profondità può dare dei risultati, mentre è necessario ripristinare il più presto possibile la sorveglianza nei campi nomadi sospesa dal Comune di Roma.

Le metropolitane di Roma sono il cuore pulsante della nostra città e devono essere presidiate e difese in modo inflessibile da qualsiasi forma di violenza e illegalità.

Chi vive nell’illegalità non può restare a Roma

Pubblicato il 30 maggio 2013 da duepuntozero.alemanno.

Oggi abbiamo denunciato un provvedimento incomprensibile da parte del Tar che ha bloccato l’espulsione di 260 nomadi trovati in possesso di conti correnti con decine e centinaia di migliaia di euro: persone che continuano a vivere nei campi nomadi a spese nostre. Non è accettabile, il Tar deve rivedere questo provvedimento. Per questo chiediamo la mobilitazione e la solidarietà di tutta la città: abbiamo bisogno di riportare la legalità non solo nei campi nomadi ma in tutta Roma. Dobbiamo distinguere tra le persone che si vogliono integrare e lavorare e chi vuole vivere di atti predatori. A Roma non si può restare se non si ha un luogo legale dove risiedere, chi vive nell’illegalità se ne deve andare.