Archivio Immigrazione

L’ABOLIZIONE DEL REATO DI CLANDESTINITÀ RENDE IMPOSSIBILI LE ESPULSIONI

Pubblicato il 21 gennaio 2014 da duepuntozero.alemanno.

Oggi l’aula del Senato ha dato il via libera all’emendamento del Governo che abroga il carattere penale del reato di immigrazione clandestina trasformandolo in un illecito amministrativo.
Al di là delle contrapposte retoriche, l’abolizione del reato di clandestinità al primo ingresso abolisce di fatto le esecuzioni delle espulsioni.
Se il primo ingresso illegale diventa un semplice illecito amministrativo può essere facilmente impugnato nei tribunali amministrativi permettendo al clandestino di dileguarsi nuovamente. Non a caso, il primo ingresso illegale non è mai stato sanzionato con il carcere, ma solo con ammenda convertibile in espulsione ed è stato l’unico strumento che ha permesso di espellere realmente i clandestini privi di ogni titolo di rifugiati.
In questo modo non è possibile neanche constatare eventuali recidive e, di fatto, vengono aperte le frontiere.
Questa è la realtà al di là di ogni retorica astratta e invitiamo gli amici del Nuovo Centro Destra a rendersi conto di questo grave errore che stanno commettendo per seguire la retorica buonista del Partito Democratico.

Sgomberato insediamento nomadi abusivo, non abbassiamo la guardia

Pubblicato il 23 aprile 2013 da Gianni Alemanno.

Un accampamento di circa 80 persone, tutti romeni, è stato sgomberato questa mattina nel corso di un’operazione portata avanti dalla Polizia locale di Roma capitale, supportata dall’Ama e dall’Ufficio decoro.
Dobbiamo continuare una pressione costante su questi insediamenti perché appena abbassiamo la guardia si moltiplicano. Il nostro impegno è costante e con la buona stagione lo intensificheremo. Occorre comunque una legge nazionale che renda un reato l’accampamento e il bivacco abusivo.

IMMIGRATI: plauso a Questura per l’operazione sui permessi falsi

Pubblicato il 03 luglio 2012 da Gianni Alemanno.

Rivolgo un plauso agli uomini dell’Ufficio Immigrazione della Questura di Roma, diretti dal dottor Improta, per l’operazione di questa mattina che ha portato all’arresto di cinque persone, compreso un funzionario per il Centro dell’Impiego di Roma e un commercialista proprietario di due Caf, per falsificazione di permessi di soggiorno.

Dopo le operazioni condotte dalla Polizia di Roma Capitale sulle patenti facili agli stranieri, anche quella di oggi evidenzia un elemento: le accuse mosse pongono in luce il danno che comportamenti del genere provocano nei confronti dei cittadini stranieri onesti, che rispettano le leggi e che vogliono integrarsi. I primi ad essere danneggiati, infatti, sono proprio loro. Nel ribadire quindi i miei complimenti alle forze dell’ordine, auspico che per questa vicenda vi sia un rapido iter processuale.

Capodanno cinese a Piazza del Popolo

Pubblicato il 14 gennaio 2012 da Gianni Alemanno.

È la seconda volta che una festa importante del popolo cinese si svolge in una grande piazza romana come piazza del Popolo, una testimonianza di amicizia della Capitale verso il popolo cinese. Oggi si aggiunge anche la volontà di tutti nell’assicurare la giustizia verso chi ha commesso il crimine a Tor Pignattara: la nostra risposta è la fermezza, ci deve essere unità di tutte le forze politiche per chiedere un’azione decisa e preventiva contro la criminalità. Non si può essere timidi con la criminalità.

La comunità cinese è tra le diverse comunità quella meno violenta, la più disponibile, la più pacifica. È chiaro che si tratta di persone molto diverse da noi. Credo che la strada migliore sia il rispetto reciproco. C’è richiesta di sicurezza, ed è uguale per tutti, sia per i cinesi che per i romani e la vera differenza non è tra cinesi e romani, tra immigrati e italiani, ma tra persone oneste e chi invece segue le strade della criminalità.

LE FOTO

di C. Valletti

RAMADAN: auguri alla comunità islamica

Pubblicato il 01 agosto 2011 da Gianni Alemanno.

Come Sindaco di Roma Capitale esprimo i miei più sinceri auguri alla Comunità Islamica della nostra città e a tutti i Musulmani nel mondo per l’inizio del mese di Ramadan. Questo tempo di digiuno e preghiera, che per i fedeli islamici rappresenta un momento significativo della loro appartenenza religiosa e della loro profonda identità spirituale, è un invito all’unità e alla concordia che auguro di cuore a tutti i musulmani e alla nostra comunità cittadina.
Anche la nostra città, attraverso la sua Comunità Islamica, partecipa a questo evento di carattere mondiale e testimonia una volta di più la vocazione universale di Roma. E come ogni anno sarà per me un onore partecipare con i rappresentanti della comunità musulmana della Capitale, all’iftar, la rottura serale del digiuno, presso la Grande Moschea. Grazie a questa accreditata istituzione è stato possibile nello scorso mese di maggio dare vita alla prima edizione della Settimana della Cultura Islamica, evento unico in Italia  che ha visto, oltre alle comunità locali, la partecipazione di significativi paesi islamici quali Marocco, Tunisia e Giordania.
Per la prima volta l’amministrazione cittadina, insieme alle rappresentanze islamiche, ha realizzato una rassegna culturale interamente dedicata alla tradizione islamica. È mio augurio che questa Settimana si realizzi anche l’anno prossimo entrando a far parte a pieno titolo degli appuntamenti culturali romani. Anche per questo ho inteso ospitare in Campidoglio un iftar per il Ramadan, come già tradizione presso altre istituzioni del nostro Paese, così che si evidenzi sempre di più il forte rapporto di partecipazione che lega le rappresentanze della nostra città e quelle della comunità islamica. I musulmani romani contribuiscono infatti allo sviluppo economico e alle dinamiche sociali del nostro territorio in modo significativo, essendo essi una comunità operosa e collaborativa. Ma ancora di più essi permettono un arricchimento spirituale e culturale della nostra città, stimolando il dialogo fra identità e tradizioni religiose profondamente radicate. > LEGGI

  • Pagina 1 di 3
  • 1
  • 2
  • 3
  • >