LEGA, SENTENZA INGIUSTA, NECESSARIA UNA NUOVA LEGGE SUI PARTITI POLITICI

Pubblicato il 07 settembre 2018 da Gianni Alemanno.

La sentenza della Cassazione sui fondi della Lega appare a tutti come una decisione ingiusta, perché punisce tutta una comunità politica e milioni di elettori per i comportamenti personali di singoli dirigenti. Anzi la Lega è chiaramente parte lesa di questi indebiti appropriamenti, perché si sono utilizzati fondi pubblici per finalità personali invece che per far crescere il consenso di questo partito. Ma questa sentenza nasce da un vuoto legislativo che rende ambigui il rapporto tra i partiti politici e chi li rapparesenta. È frutto del mancato riconoscimento giuridico dei partiti previsto dalla nostra Costituzione che non è mai stato tradotto in legge dal Parlamanto. Oggi manca una legislazione organica che garantisca da un lato il funzionamento democratico delle formazioni politiche, dall’altro lato il loro funzionamento economico in modo trasparente con precise attribuzioni di responsabilità. Questo ha contribuito allo svuotamento dei partiti politici e mina dall’interno la democrazia italiana e quindi ci auguriamo che un attacco così pesante ad uno dei maggiori partiti politici imponga di dare subito una svolta a questa situazione.

Lascia una risposta