Archivio agosto 2012

SICUREZZA: la mala informazione mortifica e danneggia Roma

Pubblicato il 21 agosto 2012 da Gianni Alemanno.

Sul tema della sicurezza a Roma e sul modo con cui questa viene comunicata dagli organi di informazione si può trarre un utile insegnamento confrontando gli articoli che sono apparsi oggi con l’analisi del Sole 24 Ore sull’andamento della criminalità in Italia.

Click sulle icone per ingrandire le tabelle

Da questa analisi risulta evidente come Roma non sia quel “far west” o quella “Chicago anni ‘20” che era stata descritta nei mesi scorsi da stampa e tv: la provincia di Roma, in termini di reati rapportati al numero di abitanti, risulta soltanto quinta nella classifica di tutte le province, dopo Milano, Rimini, Bologna e Torino. Addirittura Milano ha un numero di reati in cifra assoluta superiore a quelli di Roma, nonostante una provincia molto più piccola ed una percentuale di denunce per abitante superiore al 20% a quello del nostro territorio. Anche in termine di aumento dei reati, tra il 2010 e il 2011 Roma cresce dell’8% quanto Bologna, in percentuale superiore a quello della media nazionale, ma in modo nettamente inferiore ad almeno altre 15 province.

Eppure se si leggono le cronache di alcuni giornali la situazione viene presentata in maniera totalmente capovolta. Mentre nelle cronache nazionali si parla di violenza e reati in crescita in tutta Italia a causa della crisi economica e dei tagli alle forze di polizia, e si minimizzano i risultati negativi di città amministrate dal centrosinistra come Milano, Torino e Bologna, passando alle cronache romane ancora una volta viene drammatizzata la situazione della nostra città, come se fosse quella che versa in condizioni peggiori. E, nemmeno a dirlo, grazie alle solite scomposte e deliranti dichiarazioni di alcuni esponenti di secondo piano del Pd, si attribuisce la responsabilità di questa situazione all’amministrazione capitolina. Nessuna chiamata in causa viene fatta, invece, per il presidente della provincia Zingaretti, malgrado i dati rilevati siano a carattere provinciale.
Questo nonostante che durante la nostra amministrazione si sia registrato un netto calo dei reati proprio sul territorio del comune di Roma: infatti dal 2007 al 2011 i reati nella nostra città sono calati da 225.774 a 194.945, con una riduzione del 14%.
Facciamo queste considerazioni non per difendere il nostro operato, perché anche all’ultimo dei romani è evidente lo sforzo compiuto in questi anni dall’amministrazione capitolina sul versante della sicurezza, nonostante i poteri sempre più limitati che i comuni hanno su questo tema (ricordiamoci la forte riduzione dei poteri di ordinanza in materia di sicurezza decisa dalla Corte Costituzionale).
La nostra preoccupazione è per l’immagine sbagliata che viene data della nostra città attraverso la propaganda fuorviante e spesso becera, fatta dall’opposizione di sinistra, enfatizzata in modo parossistico da alcuni organi di informazione. La realtà è che in questi anni, attraverso l’opera delle forze di polizia e della nostra amministrazione – insieme alla Regione Lazio e alla Provincia di Roma con i Patti per Roma Sicura –  Roma ha costruito una grande linea di resistenza contro una tendenza nazionale ed europea all’aumento della criminalità, derivante anche dai flussi migratori incontrollati e dall’aggravamento della crisi economica.
La nostra città è una delle metropoli più sicure a livello europeo e lo è sicuramente a livello nazionale. E questa realtà, nonostante la campagna elettorale che si avvicina, dovrebbe essere trasmessa correttamente da tutti coloro che tengono non solo all’immagine di Roma, ma anche alla sua capacità di reagire alla crisi economica, con l’incremento del turismo e l’attrazione di nuovi investimenti.

SICILIA: la candidatura di Musumeci è di grandissimo interesse

Pubblicato il 21 agosto 2012 da Gianni Alemanno.

La candidatura di Nello Musumeci come presidente della Regione Sicilia è di grandissimo interesse.

Grazie a Gianfranco Miccichè e Adolfo Urso, attorno a questo personaggio politico di destra, che ha già ricoperto importanti incarichi istituzionali ed è stato un ottimo presidente della Provincia di Catania, si può rilanciare in Sicilia il progetto politico del centrodestra e renderlo vincente.

TORPIGNATTARA: violenza odiosa, occorre pena esemplare

Pubblicato il 21 agosto 2012 da Gianni Alemanno.

L’aggressione sessuale perpetrata ieri nel parco di Torpignattara è una violenza particolarmente odiosa, perché è stata condotta a danno di una donna, madre di tre figli, in forte stato di disagio. Mi auguro che nei confronti dell’emigrato magrebino, che prima ha tentato di circuire la donna e poi l’ha violentata, siano applicate delle pene esemplari.

Siamo di fronte ad un delinquente che, non solo tradisce l’accoglienza che gli offre il nostro Paese, ma che abusa di una persona totalmente indifesa.

CENTRO STORICO: il tempestivo intervento dei vigili ha impedito la tragedia

Pubblicato il 19 agosto 2012 da Gianni Alemanno.

Quanto accaduto nella notte in piazza del Teatro di Pompeo è la prova dell’importante lavoro di controllo del territorio messo in campo dalla Polizia Locale di Roma Capitale, che sta ottenendo efficaci risultati di contrasto dell’illegalità nelle zone del centro storico.

Solo il tempestivo intervento dei vigili urbani del I gruppo, che hanno prontamente individuato e arrestato i responsabili della violenza, ha impedito che un’aggressione degenerasse irrimediabilmente trasformandosi in tragedia. Agli uomini del gruppo centro storico, guidati dal comandate Stefano Napoli, va il plauso di tutta l’Amministrazione capitolina per la grande professionalità dimostrata.
Un pensiero invece alla giovane vittima a cui rivolgo, a nome della città, vicinanza e gli auguri di pronta guarigione. Auspico infine che i responsabili vengano puniti: Roma è una città pronta ad accogliere chiunque abbracci il principio di rispettosa convivenza civile, ma non fa sconti a chi decide di delinquere, rompendo il patto sociale e di cittadinanza.

MUNICIPI: la riforma sarà frutto di un ampio confronto politico

Pubblicato il 18 agosto 2012 da Gianni Alemanno.

La proposta di accorpamento dei municipi pubblicata oggi sui giornali è soltanto un’ipotesi di lavoro elaborata dall’assessorato competente. E’ evidente che prima dell’approvazione della delibera in Giunta sarà attivato un ampio confronto con tutte le forze politiche e con le rappresentanze istituzionali di tutti i municipi, per cercare di giungere a una soluzione ampiamente condivisa, come opportuno per introdurre cambiamenti di questa portata, diretta conseguenza della Riforma di Roma Capitale.