Premio Gaj Tachè – L’amico dei bambini

Pubblicato il 29 maggio 2012 da Gianni Alemanno.

Balli, canti e poesie eseguite dai circa 600 studenti di quarta elementare di 10 scuole di Roma, che in piazza del Campidoglio hanno partecipato all’evento conclusivo del «Premio Gaj Tachè – L’amico dei bambini».
Ogni scuola ha ricevuto un melograno, simbolo di fratellanza, e una targa ricordo, e nella piazza è stata allestita una mostra con gli elaborati realizzati dagli alunni delle scuole che hanno partecipato.
Questo premio vuole ricordare qualcosa di terribile in un modo leggero, ricordando la voglia di vivere di Stefano Gaj Tachè e la speranza nel futuro.
Ricordare il piccolo Stefano Gaj Tachè e l’insensatezza della sua morte, trent’anni dopo quella tragedia, è gettare un seme di speranza nelle nuove generazioni, affinché mai più si ripetano eventi come quello del 9 ottobre 1982.

Ai bambini ho detto che bisogna crescere con speranza, volendosi bene e cacciando l’odio e i sentimenti negativi e che devono ricordare Stefano come se fosse un angelo che vive accanto a loro.
Affichè Stefano sia sempre con noi, il modo migliore è quello di crescere e diventare cittadini romani bravi e volenterosi.  Fin da piccoli, i nostri figli devono che capire l’altro, il diverso, è sempre una risorsa e mai un problema.

LE FOTO

di F. Di Majo

Lascia un Commento