Archivio aprile 2012

III Meeting Identità Cristiana: Bisogna investire tutto nella famiglia, nostra grande risorsa

Pubblicato il 15 aprile 2012 da duepuntozero.alemanno.

Questa mattina, al Teatro Tendestrisce, c’è stato il 3° Meeting organizzato dall’Associazione “Identità Cristiana”, nel corso del quale si è sviluppato un confronto con i partecipanti sul tema “Roma comunità di Famiglie”.
Sono convinto che la famiglia sia una grande risorsa, investire su di essa significa credere di poter moltiplicare questo enorme potenziale, e va sostenuta anche da un punto di vista culturale. Si tratta di un asse centrale, una grande storia da raccontare, perchè la cosa bella è la normalità di una famiglia che cresce e va avanti, affrontando le difficoltà. Bisogna dare segnali per sbloccare, o meglio infrangere, la barriera tra politica e persone. È vero che oggi la politica dà, a volte, brutti messaggi ed esempi, ma non bisogna pensare che si possa fare a meno di essa. Chiunque può e deve fare politica con un intento positivo, costruttivo ma anche “invasivo”. La Rete Attiva per Roma, di cui fanno già parte 170 associazioni, è l’invito al coinvolgimento anche a prescindere del partito, ma sempre con un intento costruttivo e non in chiave di protesta, altrimenti si sbaglia il passo.

Per aiutare l’economia ed il lavoro le imprese devono avere una forma di tassazione decrescente in base alla responsabilità sociale. Bisogna commisurare la pressione fiscale a quanto quella particolare impresa produce, perchè così si premiano i comportamenti virtuosi. Bisogna tornare a far cresce l’economia e i posti di lavoro, anche riducendo la burocrazia.
Dobbiamo creare grandi progetti per l’Italia e Roma sul turismo può fare molto di più, ma è bloccata dalla burocrazia. La Capitale è cresciuta nel turismo, ma vent’anni fa era la prima d’Europa, oggi la quarta: noi i progetti li abbiamo, dal Governo vogliamo essere sostenuti nel fare, e non dal punto di vista economico. Sul tema della vita e del suo valore dobbiamo essere duri nel difendere la vita degli anziani fino in fondo, come la vita che sta per nascere, sin dall’atto del concepimento. Se non si crede al valore della vita non si crede a nessun altro valore.

LE FOTO

di F. Di Majo

Dal 14 al 22 aprile va in scena “Apripista–Festival del Circo Contemporaneo”

Pubblicato il 13 aprile 2012 da Gianni Alemanno.

Nel primo pomeriggio c’è stata la presentazione della seconda edizione di “Apripista–Festival del Circo Contemporaneo”, che si svolgerà dal 14 al 22 aprile, dentro e fuori il tendone allestito per l’occasione sotto il Ponte della Musica.

Una manifestazione che testimonia quanto la cultura sia importante per la nostra città, soprattutto per quello che può regalare ai citatdini e al territorio. Si tratta di una manifestazione che vuole anche riqualificare il Ponte della Musica, un ponte ciclabile, un ponte ludico, un luogo anche di intrattenimento collegato al Parco della Musica, al Foro Italico, che presto sarà restaurato, nonostante Roma fosse entrata nella rosa delle città candidate per le Olimpiadi del 2020.

LE FOTO

di C. Papi e C. Valletti

ESODATI: traffico bloccato, la Questura ha sottovalutato

Pubblicato il 13 aprile 2012 da Gianni Alemanno.

C’è stato un difetto di comunicazione. La manifestazione era stata presentata dagli organizzatori sindacali come un corteo di 5mila persone e invece per quello che ci risulta sono 25mila. Quindi c’è stata una sottovalutazione della Questura per questa manifestazione, una pretesa da parte degli organizzatori di farla oggi, quando si poteva benissimo fare domani con un impatto minore.

Quelli che ne hanno fatto le spese sono i romani, dovendo subire un altro blocco del traffico che poteva essere evitato. È stata fatta una manifestazione, a mio avviso, a sfregio dei cittadini. Rispetto per i manifestanti, ma è inaccettabile per i cittadini.
Mi auguro, visto che non ho i poteri per intervenire su questa realtà, un intervento legislativo da parte del governo. Questo tema deve trovare una risposta da parte del governo. Mi rivolgo al ministro dell’Interno per dare alla nostra città una regolamentazione diversa, almeno nel centro storico, anche perchè è patrimonio Unesco e deve avere regolamenti speciali da tutti i punti di vista, tra cui quello delle manifestazioni. Avevo fatto un’ordinanza che è stata impugnata al Tar ed è stata l’origine di questa situazione. Non voglio offendere nessuna organizzazione, nessun manifestante. Ho massimo rispetto per tutte le manifestazioni, però giornate come quella di oggi non si possono ripetere.

“I 100 mln di rimborsi elettorali di quest’anno vadano a un fondo di solidarietà”

Pubblicato il 12 aprile 2012 da Gianni Alemanno.

Durante il mio intervento al forum sulla legge elettorale organizzato dalla Fondazione Nuova Italia a palazzo Wedekind, dal titolo «Legge elettorale tra bipolarismo, governabilità e rappresentatività», ho lanciato una proposta affinchè i cento milioni di finanziamento da erogare ai partiti quest’anno siano destinati ad un fondo di solidarietà a vantaggio dei ceti meno abbienti, a chi è in difficoltà economica e per dare un segnale alle famiglie che oggi stanno soffrendo pesantemente la crisi, a cominciare da quelle degli imprenditori che si sono suicidati. Questo deve essere un segnale importante, da unire ad una serie di misure per la trasparenza ed il controllo dei bilanci dei partiti.

Sono favorevole ad un meccanismo di volontarietà del finanziamento della politica da parte di cittadini: una sorta di cinque per mille che introduca un concetto di non autoritarismo, da unire a misure chiare e ineludibili come il controllo da parte della Corte dei Conti, l’individuazione della tipologia di spese autorizzate e meccanismi di trasparenza dei bilanci. È importante che ora si metta all’ordine del giorno l’articolo 49 sul riconoscimento giuridico dei partiti: un tema chiave con la messa a punto di una legge sull’organizzazione della struttura dei partiti, l’equilibrio della forma di finanziamento e meccanismi di controllo precisi, che si ponga l’obiettivo del superamento di partiti “carismatici” che segnerà la fine della seconda repubblica.
Sui rimborsi delle spese elettorali ai partiti, penso che bisogna fare di più e ridurre a metà questo finanziamento.

LE FOTO

di C. Papi