Archivio febbraio 2012

Le parole del ministro Cancellieri testimoniano i polveroni mediatici sulla sicurezza

Pubblicato il 24 febbraio 2012 da Gianni Alemanno.

Le parole di oggi del ministro Cancellieri sono una grande testimonianza contro tutti i polveroni mediatici e le polemiche politiche che sono state sollevate sul tema della sicurezza a Roma. È evidente però che dei problemi ci sono e noi li stiamo denunciando con forza ormai da tempo e, nella collaborazione che c’é con il ministro Cancellieri e le forze dello Stato, contiamo di vedere una risposta complessiva su ogni rischio della criminalità organizzata. Quindi bene il richiamo del Ministro a mantenere i piedi per terra, a non esagerare mai; però grande attenzione, perché la sfida contro la criminalità organizzata deve essere vinta. La criminalità deve essere sconfitta ancor prima che si radichi.

La “Sala Massimiliano Parsi”

Pubblicato il 23 febbraio 2012 da Gianni Alemanno.

Oggi al Dipartimento Attività Economiche e Produttive – Formazione e Lavoro, nella sede dell’assessorato capitolino alle Attività Produttive, si è svolta la cerimonia d’intitolazione della Sala Massimiliano Parsi, in occasione della ricorrenza del primo anniversario della scomparsa del consigliere dell’Assemblea capitolina.

Una bella idea che sottolinea il legame di Massimiliano con il settore in cui lavorava; la sua era una passione ed un amore verso tutta la città di Roma. Massimiliano ci ha insegnato a trattare i problemi sempre come un pezzo del grande mosaico che è la nostra città, e noi lo ricordiamo come un esempio.

LE FOTO

di C. Papi

RIFIUTI: la Procura farà chiarezza

Pubblicato il 23 febbraio 2012 da Gianni Alemanno.

Sono sicuro che la Procura di Roma farà rapidamente chiarezza in merito alle denunce che sono state fatte per la scelta dei siti alternativi a Malagrotta. E’ fondamentale andare avanti nelle procedure per aprire questi centri di raccolta dei rifiuti, in modo da chiudere il prima possibile questa discarica. Pertanto mi auguro che il senso di responsabilità collettivo eviti di creare nuovi polveroni polemici che rischiano di ritardare e confondere gli atti amministrativi necessari ad attuare il piano rifiuti.