Archivio gennaio 2012

Intervista su il Secolo d’Italia

Pubblicato il 17 gennaio 2012 da duepuntozero.alemanno.

«Credo che Monti debba concentrarsi su iniziative utili allo sviluppo economico del Paese, più che andarsi a impelagare in questioni che minano la coesione sociale, come l’articolo 18 o le liberalizzazioni a scapito delle categorie più deboli. Sono contrario alle liberalizzazioni inutili, preferisco quelle contro i poteri forti e nei settori realmente strategici». Lo sottolinea il sindaco  Alemanno in un’intervista al “Secolo d’Italia”. «Piuttosto il governo dia a noi i poteri di regolamentare il trasporto pubblico cittadino e ci pensiamo noi a organizzare meglio anche il servizio dei tassisti».

Click QUI per leggere l’intevista completa

IPR Marketing: soddisfazione per il sondaggio

Pubblicato il 16 gennaio 2012 da Gianni Alemanno.

Il risultato del sondaggio sulla fiducia nei confronti dei sindaci italiani, elaborato dal Sole24Ore, é per me è una grande soddisfazione. Si tratta di un sondaggio accreditato, che tra l’altro l’hanno scorso mi aveva penalizzato portandomi al 50%, e che oggi registra un incremento del 4%. Sono fiero di essere il sindaco di una grande città che cresce sempre più dal punto di vista dei sondaggi e questo dimostra come i tentativi di screditare la mia azione e di presentare tutto in una luce negativa siano andati a vuoto. Per me questo è un fatto molto importante, perché indica una tendenza complessiva della città, che oggi è stata registrata anche dal Sole24Ore.
Un sentito ringraziamento a tutti i miei sostenitori!

Acea e Fiat: progetto pilota sulla mobilità elettrica a Roma

Pubblicato il 16 gennaio 2012 da Gianni Alemanno.

Stamattina in piazza del Campidoglio abbiamo presentato il memorandum di intesa legato allo sviluppo di un progetto pilota, della durata di 18 mesi, sulla mobilità elettrica a Roma. L’accordo prevede la fornitura di Fiat Fiorino Cargo a trazione elettrica, la condivisione delle informazioni tecniche relative al loro funzionamento e lo studio congiunto di possibili sviluppi in tema di mobilità elettrica nel territorio di Roma Capitale. Un primo lotto di 40 veicoli a trazione elettrica è già stato consegnato ed è già operativo per le strade di Roma.

Questo lotto, e i successivi, andranno gradualmente a integrare il parco dei veicoli commerciali, attualmente in dotazione di Acea, composto da circa 3 mila unità a stragrande maggioranza modelli del gruppo Fiat.
La società ha anche avviato un programma di ricerca per sperimentare nuove e moderne tecnologie di ricarica rapida, di connessione di impianti fotovoltaici, nell’ambito di un progetto di sviluppo sperimentale delle smart grid approvato dall’Autorità per l’energia elettrica e il gas.

LE FOTO

di F. Di Majo

GOVERNANCE POLL, Il Sole 24 Ore: la classifica di Alemanno, Polverini e Zingaretti

Pubblicato il 16 gennaio 2012 da duepuntozero.alemanno.

Renata Polverini 11esima con il 52% dei consensi, il 2% in più rispetto al 2010, +0.9% rispetto al risultato delle elezioni. Il sindaco Alemanno guadagna 29 posizioni nella classifica annuale sul consenso degli amministratori locali stilata dall’Istituto IPR Marketing per il Sole 24 Ore: 44esimo, a pari merito con altri sei, con il 54% dei consensi, più 4% rispetto allo scorso anno, +0.3% rispetto alle elezioni. Nicola Zingaretti 69esimo, insieme ad altri 8, con il 53% dei consensi, -0.5% rispetto al 2010 ma più 1.5% in confronto alle elezioni. Sono questi i dati relativi agli amministratori locali del Lazio della Governance Poll 2011, l’indagine Ipr per il Sole 24 Ore che misura il favore ottenuto dagli amministratori locali nell’anno appena finito.

Le tabelle relative ai Sindaci

Le tabelle relative a Regioni e Province

IL TEMPO: intervista ad Alemanno

Pubblicato il 16 gennaio 2012 da duepuntozero.alemanno.

“Le vere liberalizzazioni vanno fatte contro i poteri forti economici e dismettendo i grandi patrimoni statali. Un altro grande problema è quello di abbattere tutte le burocrazie, sia quelle dello Stato che quelle dei poteri locali, delle varie Sovrintendenze o dei procedimenti giudiziari troppo lunghi delle diverse magistrature. Tutto questo paralizza ogni iniziativa economica, blocca tutti i progetti di investimento. Vanno evitate quelle riforme improvvisate che finiscono per minare profondamente la coesione sociale. Interventi come quelli sull’articolo 18 e forme di deregolamentazione selvaggia contro le categorie del ceto medio rischiano di rimettere in moto il conflitto sociale senza nessun effetto concreto sullo sviluppo”.

Click QUI per leggere l’intera intervista