Archivio marzo 2011

Roma – Castel Sant’Angelo – Presentazione del bando di recupero dei giardini

Pubblicato il 30 marzo 2011 da staff.

Il sindaco Alemanno e l’assessore alle Politiche Ambientali Marco Visconti hanno presentato questa mattina presso la Sala delle Bandiere in Campidoglio, il bando per il recupero dei giardini di Castel Sant’Angelo. All’incontro hanno preso parte anche il presidente del XVII° Municipio Antonella De Giusti e il presidente della Commissione Ambiente dell’Assemblea Capitolina  Andrea De Priamo.
Al termine della conferenza il sindaco Alemanno ha dichiarato che «Dopo il 1 Maggio e la beatificazione di Giovanni Paolo II servirà una conferenza dei servizi, anche con il Vaticano, per la definizione di come gestire l’area limitrofa a Via della Conciliazione e dargli una ricollocazione più chiara».

Roma - Castel Sant'Angelo - Presentazione del bando di recupero dei giardini

Click QUI per le foto

Foto: F. Di Majo

 

 

“Il Cinema è Cultura”

Pubblicato il 28 marzo 2011 da staff.

Intervenendo al convegno «Il cinema è cultura» alla residenza di Ripetta, il sindaco Alemanno ha detto:
«Roma è la principale vetrina del cinema italiano. In tutto il mondo, quando si pensa al cinema italiano, si pensa a Cinecittà, per cui è impensabile un depotenziamento della produzione cinematografica della Capitale o una cancellazione del festival del cinema. Pensare ad una strategia per il cinema italiano senza un protagonismo della Capitale, senza il ‘brand’ Roma, è impossibile. Sarebbe come se il cinema americano facesse a meno di Hollywood».
Cosa fare dunque per il settore audiovisivo della Capitale?
«Innanzitutto – dice Alemanno – ci vuole una film commission che promuova a Roma la produzione cinematografica sia italiana che straniera, per proiettare un’immagine positiva della capitale nel mondo». In secondo luogo bisogna «dare forza al festival del cinema collegandolo al mercato e promuovere le nuove professioni attraverso un’opera di formazione dei giovani».
E dopo aver sottolineato che in settimana avrà un incontro «di chiarimento» con il ministro della Cultura Giancarlo Galan, ha concluso:
«Il compito del Pdl è quello di non relegare questi temi alla sinistra, pensando che facciano parte della retorica della sinistra mentre il centrodestra va a rimorchio».

"Il Cinema è cultura"

Click QUI per le foto

Foto C.Papi

Cavalieri del Commercio 2011

Pubblicato il 28 marzo 2011 da staff.

A margine della premiazione dei Cavalieri del commercio in Campidoglio, il sindaco Alemanno ha detto: «Il piano del commercio è sostanzialmente pronto, andrà a confronto con le parti sociali e contiamo di approvarlo prima dell’estate».
«Non era mai esistito a Roma un piano del commercio – ha sottolineato il sindaco -. Questo significa trovare un equilibrio tra piccola, media e grande distribuzione, evitando quegli eccessi che hanno cancellato il piccolo e medio commercio in passato».
Nel corso della cerimonia di conferimento dei “Cavalieri del Commercio 2011”, riconoscimento attribuito a 33 commercianti capitolini che si sono distinti nel settore per valore e capacità e che costituisce un momento di incontro tra il mondo delle Istituzioni e quello del Commercio, è stata consegnata la prestigiosa Lupa Capitolina all’Imprenditrice romana di fama internazionale Micaela Pallini, Presidente di I.L.A.R. Pallini, azienda produttrice di liquori e sciroppi dal 1875.

Click QUI per le foto

Foto C.Papi

ROMA CAPITALE: è fuorviante scaricare responsabilità sulla norma per il numero dei consiglieri

Pubblicato il 27 marzo 2011 da Gianni Alemanno.

È fuorviante, se non strumentale, scaricare solo su Roma Capitale la responsabilità politica della norma per mantenere inalterato a 60 il numero dei consiglieri nelle città con più di un milione di abitanti. Questa norma è già contenuta nel progetto di legge per il Codice delle Autonomie, perché fa parte di una logica razionale di gradualità numerica nella rappresentanza democratica dei Consigli comunali. Per quanto riguarda la nostra città, questa norma è inserita anche nei decreti legislativi per Roma Capitale in corso di approvazione, in virtù del particolare ruolo di Roma e del numero dei suoi abitanti, superiore al doppio di quelli degli altri grandi Comuni. La necessità d’inserire l’articolo in questione all’interno del decreto legge varato mercoledì dal Governo, nasce solo dalla necessità di accelerare l’iter del Codice delle Autonomie in vista delle votazioni che si svolgeranno a maggio a Milano e a Napoli. È sull’utilizzo di questa procedura d’urgenza che il Quirinale ha sollevato le sue obiezioni che porteranno con ogni probabilità alla cancellazione della norma dal decreto legge. Il nostro unico interesse è stato quello di evitare disparità tra la situazione di Roma e quella di Milano e di Napoli, con il rischio di alimentare ancora una volta inutili tensioni e conflitti tra la diverse aree geografiche dell’Italia. Infine, non si può attribuire a questa vicenda il ritardo nella firma del decreto legge, in cui sono contenute norme estremamente importanti come quella sul rifinanziamento del Fus. In realtà un serie di problemi tecnici nella stesura definitiva del decreto ha costretto il Governo a rinviare la firma al rientro del Capo dello Stato dagli Usa.