Archivio luglio 2010

Orvieto, Tremonti: La politica della responsabilità

Pubblicato il 23 luglio 2010 da staff.

“Orvieto è un luogo storico, mistico, politico. E vale la pena Lanciare una riflessione” – ha esordito Giulio Tremonti.
In attesa del video dell’intervento del Ministro dell’Economia, pubblichiamo alcune note didascaliche dal suo discorso.
Nel ’94 con il suo libro “Il fantasma della povertà” Tremonti aveva previsto che i lavoratori italiani avrebbero avuto stipendi orientali con costi di vita occidentali.
“Il nostro continente produce più debito che ricchezza – dice – ed è evidente che il modello economico occidentale non sta più in piedi. I problemi già esistevano prima della crisi, ma oggi sono stati svelati. Oggi si produce più deficit che prodotto interno lordo”.
“La competizione sul mercato è tra giganti disuguali, quindi l’europa si deve adattare al mondo. Si deve rimettere in pista nell’economia globale, cominciando a pensare ad un cambiamento dei suoi paradigmi… Ci vuole una struttura giuridica diversa: Il discorso giuridico è strutturale come quello economico… I cambiamenti dettati dalla crisi sono ad alta intesità politica”.

“E’ indispensabile una nuova disciplina sulla responsabilità dei bilanci. Si deve modificare la struttura politica se si produce debito… Ci vuole una visione più umanitaria e comunitaria nell’economia… Era difficile prevedere l’anno della crisi, sarebbe arrivata ma non si sapeva l’anno… In italia è dagli anni 70 che la finanza è solo centrale”.

“L’unica speranza è cambiare con il federalismo fiscale. Dare la responsabilità delle risorse. La politica della responsabilità.
“E’ necessario un cambiamento dell’attuale sistema o il rischio è la “deriva verso il basso: serve più responsabilità perchè non si può continuare a prendere in giro la gente”

“Io ho fiducia, a parte qualche fase di aggiustamento. Fiducia nei giovani governatori, sono una speranza del paese. Non si può continuare fabbricando debito. Il federalismo fiscale è la via giusta.”

Non c’erano i dati per fare il federalismo fiscale l’anno scorso. I bilanci non erano standardizzati. Si stanno accomulando materiali, senza dati non si può decidere. Oggi esiste il federalismo demaniale ora si va verso il federalismo municipale.
“Credo che alla fine verrà fuori un testo condiviso dai comuni. Non vogliamo creare effetti di squilibrio, sappiamo bene che ci sono comuni che già adesso hanno alta capacità fiscale e comuni che vivono di trasferimenti. Il tempo è strategico in questi processi”.

Orvieto 2010: Alemanno presenta Tremonti

Pubblicato il 23 luglio 2010 da staff.

In questo video Gianni Alemanno apre i lavori del Convegno dei Circoli e della Fondazione Nuova Italia a Orvieto, introducendo l’intervento del Ministro dell’Economia e delle Finanze Giulio Tremonti.

Gli spezzoni di video che vi mandiamo in lieve differita saranno seguiti nei prossimi giorni dalle registrazioni globali degli interventi, che saranno pubblicati su questo blog.

“Il federalismo è visto come un’aggressione – ha detto Alemanno nell’intervento –  qualcosa che può portare ad una divisione tra nord e sud. In realtà non indebolisce, ma rafforza l’unità nazionale attraverso la forza delle identità locali: un maggiore senso di partecipazione, porta ad una forte appartenenza comunitaria nazionale”.
“Bisogna fare le scelte politiche ed economiche attraverso dei forti valori  – aggiunge. Le scelte nel campo dell’economia economia sono fortemente influenzate dai valori”.
“Il pdl è una necessità storica? la risposta è sì. Perché si confrontano persone con storie diverse: la libertà porta ad un pieno sviluppo del principio comunitario. I problemi di organizzazione si risolvono e sono un’altra cosa. I momenti difficili, di crisi istituzionale ed economica devono essere momenti di riflessione”.
“E’ giusto che sia nato il Pdl? Sì, il Pdl ha una sua forza e può essere una grande comunità: se c’è questa consapevolezza, allora i problemi di organizzazione e congressuali potranno essere sconfitti, altrimenti staremo sempre a domandarci se abbiamo fatto bene o male a fare il Pdl.  Penso che questi momenti di crisi possono essere un momento di riflessione per il nostro popolo, per una rigenerazione. E credo che Tremonti sarà per noi una guida dal punto di vista economico e un punto di riferimento sul versante culturale”.

Protocollo d’intesa tra l’Ambasciata del Regno Unito e l’AMA

Pubblicato il 22 luglio 2010 da staff.

Il sindaco Gianni Alemanno ha presentato il  protocollo d’intesa tra l’Ambasciata del Regno Unito e l’AMA. L’Ambasciata britannica è la prima sede diplomatica a Roma a stipulare un accordo con l’AMA per la raccolta differenziata porta a porta dei rifiuti.
Sono intervenuti il presidente e l’amministratore delegato di AMA, Marco Daniele Clarke e Franco Panzironi, l’Ambasciatore britannico Edward Chaplin e l’assessore all’Ambiente Fabio De Lillo.

Protocollo d'intesa tra l'Ambasciata del Regno Unito e l'AMA

Click QUI per le foto.

A ORVIETO PARLEREMO DI CONGRESSI E FEDERALISMO

Pubblicato il 21 luglio 2010 da Gianni Alemanno.

Federalismo e Pdl all’ordine dei lavori della tre giorni a Orvieto organizzata dalla fondazione Nuova Italia. Parleremo di Federalismo fiscale perchè a settembre si entrerà nella fase diretta di applicazione del decreto e vogliamo ci sia un ampio confronto. Dobbiamo fare in modo che il Federalismo non diminuisca ma aumenti la ricchezza di tutti i territori e allo stesso tempo valorizzi i territori e le classi dirigenti meritevoli. Secondo aspetto che sarà affrontato nel corso della tre giorni in programma nel prossimo weekend è quello relativo al Pdl: crediamo sia il tempo di una grande stagione di congressi comunali e provinciali per rinnovare la classe dirigente locale e per dare un nuovo impulso alla partecipazione del partito.
Riguardo all’intervento che terrò per introdurre il ministro dell’Economia Tremonti, chiederò al Ministro quali saranno le garanzie per il Mezzogiorno e per le aree interne. Questo per fare in modo che il federalismo non diminuisca la ricchezza ma la aumenti in tutti i territori.

Bandi per il recupero dei relitti urbani e il piano casa F555 Pietralata

Pubblicato il 21 luglio 2010 da staff.

Il sindaco Gianni Alemanno e gli assessori ai Lavori pubblici, Fabrizio Ghera e all’Urbanistica, Marco Corsini hanno presentato insieme all’architetto Paolo Portoghesi, i bandi per il recupero dei “relitti urbani” e  l’ “F555 Pietralata”, attuativo del piano casa.

Bandi per il recupero dei relitti urbani e il piano casa F555 Pietralata

Click QUI per le foto.