Archivio febbraio 2010

Neve in Campidoglio

Pubblicato il 12 febbraio 2010 da staff.

Non è stata la neve che Roma s’aspettava di trovare al risveglio, ma le immagini che potete vedere QUI sono insolite e davvero suggestive. Un ringraziamento a Fabio Callini che prontamente ha scattato le foto.

EMERGENZA NEVE: dichiarato lo stato di pre-allerta

Pubblicato il 11 febbraio 2010 da staff.

A seguito della conferma delle previsioni meteo che indicano probabile caduta di neve sulla città di Roma, durante le ore notturne fra oggi e domani, la Protezione civile del Comune di Roma ha dichiarato lo “stato di pre-allerta”, convocando il Centro Operativo comunale (COc).
Sono state attivate le Unità di Crisi dei Municipi, sotto il coordinamento operativo dei Presidenti dei Municipi stessi, per gli interventi sul territorio di competenza.
Alle 15.30 è stata fissata una riunione tecnica alla Protezione civile nazionale.
In caso di precipitazioni nevose e formazione di ghiaccio, il Sindaco ha disposto che venga prestata particolare attenzione ai senza fissa dimora; l’obbligo che tutti i mezzi di trasporto a servizio del pubblico circolino con catene o pneumatici da neve e che i taxi protraggano il servizio anche oltre i turni di servizio.
Inoltre il Sindaco rammenta ai proprietari degli stabili l’obbligo, fra le 08.00 e le 20.00, di tenere sgomberi dalla neve i marciapiedi antistanti gli stabili stessi per una larghezza di due metri. In caso di temperature che scendano al di sotto degli zero gradi centigradi, si raccomanda che i rubinetti del servizio di acqua potabile più vicini al contatore rimangano aperti per evitare il congelamento delle tubazioni.
Il Centro Operativo comunale è la cabina di regia chiamata a gestire le eventuali situazioni di criticità. Oltre la Protezione civile comunale, fanno parte del Coc: il Gabinetto del Sindaco, l’Assessorato all’Ambiente, i Dipartimenti comunali del Personale, dei Servizi sociali, del Servizio giardini, delle Infrastrutture, dell’Autoparco; la Polizia Municipale, l’Ama, l’Atac, l’Acea, l’Italgas, il Cotral, l’Ares 118, l’Ufficio extradipartimentale della Polizia provinciale e Protezione civile della Provincia di Roma; le organizzazioni di volontariato.

Capodanno cinese

Pubblicato il 11 febbraio 2010 da Gianni Alemanno.

Come Sindaco di Roma mi unisco alla comunità cinese della nostra città per i festeggiamenti del Capodanno. Estendo il mio augurio anche a tutti i loro familiari che vivono in altre città e in altri Paesi e rivolgo un “xin nian hao!” a tutto il popolo cinese.
Una città come Roma, Capitale dell’Italia, che vanta migliaia di anni di storia non rimane insensibile alla forza di una tradizione così lunga e marcatamente unitaria come quella cinese. So che si apre l’anno della tigre e che questo animale ha nello zodiaco cinese un posto d’onore fra i simboli regali. È quindi un richiamo ai valori nobili del coraggio e della generosità, che mi auguro contraddistinguano quest’anno.
La comunità cinese della nostra città è numerosa ed operosa e sempre più rappresenta un ponte nell’intrattenere rapporti con il grande stato della Repubblica Cinese. In particolare, vorrei ricordare che quest’anno Shanghai ospiterà l’Expo l’Universale del 2010 e la presenza di Roma sarà in quest’occasione significativa e importante. Sempre più intensi sono gli scambi fra le nostre imprese, le nostre università e quelle cinesi e da questo rapporto sta nascendo una nuova consapevolezza  delle nostre culture nel rispetto delle identità e delle regole comuni di convivenza sociale. Ricordo anche il generoso contributo che la Comunità Cinese della nostra Capitale ha dato per i terremotati dell’Aquila e dell’Abruzzo e sono orgoglioso di aver potuto rappresentare anche in questa occasione la comunità dei cinesi di Roma, dei cinesi romani, se mi consentite.
Il mio augurio è che la nostra città sia sempre più avvertita da tutte le comunità che l’hanno scelta come loro città  e che contribuiscono al suo sviluppo, come centro di incontro e dialogo fra tutti i popoli e le culture nel segno dell’apertura e del rispetto reciproco.