SICUREZZA: Prorogate le ordinanze antiprostituzione e antiborsone

Pubblicato il 29 gennaio 2010 da staff.

Il sindaco Gianni Alemanno ha firmato la proroga per un anno delle ordinanze antiprostituzione e antiborsone la cui scadenza era fissata per domani, 30 gennaio.
L’Ordinanza antiprostituzione – emanata il 15 settembre 2008 – prevede una sanzione di 200 € per i clienti e per chi adesca al fine di prostituirsi. Inoltre a tutti coloro che scelgono di abbandonare il racket della prostituzione viene garantita l’assistenza da parte dei servizi sociali comunali.
A tutt’oggi  l’ordinanza ha prodotto i seguenti risultati: in 501 giorni di vigenza, 10.601 multe elevate nei confronti di chi esercita la prostituzione; 856 nei confronti di clienti, dei quali il 15% residenti fuori dal Comune di Roma, per un totale di 11.457 sanzioni. I fermi per identificazione sono stati 9.780 e 236 le prostitute minori sottratte alla strada. Inoltre sono stati adottati 135 decreti di espulsione e 391 decreti di allontanamento e 19 i fogli di via; 361 sono state le denunce presentate all’autorità giudiziaria e 33 gli arresti.
L’ordinanza antiborsone invece prevede il divieto di trasporto di beni o merci all’interno di contenitori come borsoni o sacchi di plastica qualora il trasporto si configuri come strumentale alla vendita su aree pubbliche in forma itinerante e abusiva.
A tutt’oggi questa Ordinanza ha prodotto il sequestro di 473mila “pezzi” di merce contraffatta.

Un commento a “SICUREZZA: Prorogate le ordinanze antiprostituzione e antiborsone

  1. caro Sindaco
    Positivo il tuo impegno nel contrastare queste due illegalità, in particolar modo per quanto riguarda la tutela e la sottrazione di minorenni da un giro di prostituzione che ne avrebbe per sempre inquinata e sfiorito la vita futura. Ogni ramo delle istituzioni dovrebbe impegnarsi al massimo in tal senso.
    Sull’ordinanza antiborsone, assai meno delicato del tema precedente, ma sempre di una certa importanza per il danno che, facilmente si può immaginare, arreca ai nostri stilisti ed artigiani, mi piacerebbe sinceramente sapere che fine fa, una volta sequestrata, questa enorme mole di merce sequestrata.
    Ma probabilmente la mia curiosità rimarrà tale; non credo che il sindaco dedicherà il suo prezioso tempo per rispondere ad un tema così leggero, dopo che è così tanto tempo che non lo leggiamo, ne ascoltiamo.
    L’essenziale è che realizzi le importanti promesse che fece in periodo elettorale e che riguardano il risanamento della città; la mia curiosità in questo caso può anche aspettare.
    saluti a tutti da brunosaetta, per gli amici bruno

Lascia una risposta