Rebibbia: Roma se nasce

Pubblicato il 29 settembre 2009 da staff.

Oggi pomeriggio nel carcere di Rebibbia, il Sindaco ha assistito allo spettacolo per i detenuti “Roma se nasce”, scritto da Maurizio Costanzo ed Enrico Vaime, con la partecipazione del comico Antonio Giuliani.

Rebibbia: Roma se nasce

Click qui per le foto.

2 commenti a “Rebibbia: Roma se nasce

  1. Carissimo Sindaco, se posso permettermi vorrei dirle che nel Suo blog ci sono troppe foto e che non ce ne facciamo niente! Vorrei ci fossero più video per poter ascoltare i Suoi interventi, condividere il Suo pensiero e trarne spunti di discussione.
    Era partito così bene, perché ha mollato? Agli incontri che fa si porti un cameraman, non un fotografo!
    Alemeno possiamo ascoltarLa e condividere le Sue attività incessanti.
    Mi scusi l’impertinenza, ma era un po’ di tempo che sentivo di dire il mio pensiero.
    Buon lavoro.

  2. caro Gianni
    Ho letto il commento della Sig.ra/ina Francesca Rubini e vorrei dire anch’io la mia sulle sue riflessioni.
    Per me, caro Sindaco, puoi anche continuare a mettere foto sul blog, sempre che la loro inserzione non vada a scapito al tempo che tu potresti dedicarci in video. Altrimenti tra le due modalità anch’io scelgo i video, ti capisco di più.
    Concordo con l’amica Francesca con la sensazione che tu abbia spostato la tua attenzione su Facebook, a scapito di questo blog. Ciò significa che coloro come me che non hanno intenzione di registrarsi su Facebook per motivi che non è il caso disquisire in questo blog, riscontrando che il “piatto piange”, ovvero stai disertando questa modalità, alla fine opteranno per cessare i loro interventi ed il blog sarà destinato a morire per mancanza di “alimenti”.
    Ed infine, scusi Sig.Francesca se mi permetto di ribadire le sue impressioni, dando l’impressione di copiarla, ma debbo ancora concordare con lei esprimendo la mia impressione nel confermare un notevole allentamento del nostro ‘caro Sindaco Alemanno’ nel rispondere ai nostri quesiti in questo sito. Sarà senz’altro perchè ha molti impegni, ma allora mi permetterei di suggerirgli di non mettere troppa carne sul fuoco. Come si dice per le persone:”Poche, ma buone”, così il detto penso sia valido anche per “le opere in cantiere”. Caro Gianni, ti chiedo solo di pensarci un pochino, prima di cestinare i miei umili suggerimenti.
    Credo che tanti di noi siano dello stesso parere e vogliano che ti faccia sentire più vicino a loro (me compreso).
    Si accettano scommesse su quello che sto per dire: avrò scritto una decina di commenti, o più; io dico che anche questo andrà nel dimenticatoio! Vediamo chi ha ragione?
    Grazie per l’attenzione ed a Gianni dico: non me ne volere se parlo così, anche perchè sei sempre nei miei affettuosi ricordi.
    saluti ai blogghisti da brunosaetta, ma per gli amici, come sempre, bruno

Lascia una risposta