Pubblicato il 22 agosto 2014 da duepuntozero.alemanno.

La ristrutturazione delle Acciaierie Speciali di Terni non è una questione locale che riguarda Terni e l’Umbria ma é una questione di interesse nazionale, che riguarda tutto il nostro sistema industriale. Le acciaierie di Terni sono l’emblema di quello che succede quando si privatizza svendendo ad una multinazionale un pezzo del nostro sistema industriale: anno dopo anno, attraverso decine di piani industriali il ruolo delle acciaierie é stato ridimensionato fino a rischiare, con l’ultimo taglio di 500 posti di lavoro, di scomparire definitivamente.
Nonostante questo continuiamo a sentire il Presidente del Consiglio, Matteo Renzi, ripetere la sciocchezza che non ha importanza se un’industria viene comprata da un capitale straniero.
Quanto sta avvenendo a Terni è figlio di un progetto di deindustrializzazione dell’Italia che va avanti in maniera molto marcata e che, senza fare complottismo, ha sempre un timbro tedesco. È come se in Europa la Germania volesse che l’Italia smetta di essere un Paese capace di produrre dal punto di vista industriale.
Il governo italiano deve affrontare con la massima decisione questa trattativa, portarla in Europa, far valere il nostro interesse nazionale, metterlo sul tavolo delle trattative con la Germania nel semestre di guida italiana. Noi di Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale lanciamo una mobilitazione nazionale con una manifestazione il 4 settembre davanti al Ministro dello Sviluppo Economico per esprimere solidarietà ai lavoratori e per chiedere al governo di imporre a Bruxelles e a Berlino la difesa delle nostre capacità produttive.

Pubblicato il 21 agosto 2014 da duepuntozero.alemanno.

Donato Lamorte per noi era la personificazione stessa del partito della destra, prima nel Movimento Sociale Italiano poi in Alleanza Nazionale era il perno centrale su cui ruotava tutta l’organizzazione e la struttura del partito. Dietro questo impegno quotidiano e puntiglioso c’era l’animo di una persona che non aveva mai abbandonato l’ideale della destra, che non ha mai messo in dubbio il valore della militanza politica e un sentimento di comunitá che ci coinvolgeva tutti. Ma anche negli ultimi anni, quando Alleanza Nazionale non c’era più, ha rappresentato la memoria e la continuità di una presenza di cui c’è ancora bisogno per salvare l’Italia dal declino e dare una nuova speranza al nostro popolo. Nell’abbracciare tutti i familiari e gli amici sentiamo tutti la sua presenza e la forza del suo esempio.

Pubblicato il 19 agosto 2014 da duepuntozero.alemanno.

Mercoledì 20 agosto alle ore 12 a Piazza Montecitorio Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale ha organizzato, in concomitanza della riunione delle commissioni congiunte esteri e difesa, una manifestazione per chiedere al governo italiano un intervento serio e adeguato per difendere i cristiani e gli yazidi aggrediti in Iraq dai fanatici dell’Isis.
Le misure fino ad oggi annunciate dai ministri Pinotti e Mogherini, che domani dovrebbero essere illustrate alle commissioni, sono drammaticamente insufficienti per fronteggiare una situazione così grave e per garantire il diritto alla vita delle popolazioni perseguitate.
Con l’occasione i manifestanti, aderendo alla campagna lanciata da Giorgia Meloni #siamotuttiN, porteranno fazzoletti e bracciali bianchi con il simbolo che viene utilizzato dai fondamentalisti islamici per discriminare i cristiani.

#siamotuttiN

Pubblicato il 08 agosto 2014 da duepuntozero.alemanno.

fotoGli ultimi dati dell’operazione Mare Nostrum parlano di 93mila profughi provenienti dall’Africa sbarcati sulle coste italiane da ottobre 2013, un dato impressionante che consente al governo Renzi di incamerare l’ennesimo record negativo: sono bastati pochi mesi per superare i 60mila sbarchi registrati nel 2011, con oltre 600milioni di euro di spese sostenute dai contribuenti italiani che, con la crisi che taglia posti di lavoro e fa chiudere le aziende,deve veder distribuito un buono da 30 euro al giorno per pagare vitto e alloggio ai profughi.

Pubblicato il 01 agosto 2014 da duepuntozero.alemanno.

Dalla prima pagina di oggi sul quotidiano “Il Centro” ho appreso con grande soddisfazione che il popolo abruzzese ha accolto le mie scuse per la nota “gaffe” dell’Abruzzo scritto con 2 B sui social durante la campagna elettorale per le europee 2014. Come promesso, per far ammenda di quella svista, ho scalato da solo il Corno Grande del Gran Sasso. Lo striscione è un’idea dei ragazzi di Prima l’Italia, che ringrazio di cuore.

La mia passione per la montagna è cosa nota, ma scalare le cime dell’Abruzzo mi restituisce sempre grande gioia, serenità e forza per andare avanti. Per questo, appena riesco a ritagliarmi del tempo libero, raggiungo il Gran Sasso e, in compagnia o anche in piena solitudine, alzo gli occhi verso il Corno Grande e mi avvio alla sua faticosa scalata.

Il “Bbravo” ricevuto oggi dal popolo abruzzese è un motivo in più per rafforzare il mio legame con gli amici di quella terra e rinnovare la promessa di rivederci presto, se non proprio in cima a qualche montagna, in giro fra i tanti caratteristici paesi, che sono la vera ricchezza dell’Abruzzo.
Alemanno

Notizie recenti
Pubblicato il 01 agosto 2014 da duepuntozero.alemanno.

Quello approvato stanotte con il maxi emendamento è, senza eufemismi, un bilancio da brividi per i cittadini.

Pubblicato il 30 luglio 2014 da duepuntozero.alemanno.

Con un colpo di mano il Governo Renzi ha inserito nel ddl “Riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche”

Pubblicato il 30 luglio 2014 da duepuntozero.alemanno.

Abbiamo aderito come FdI-AN alla campagna referendaria contro il Fiscal Compact promossa dal Comitato “Stop Austerità” lanciato dal Prof. Gustavo Piga

Pubblicato il 25 luglio 2014 da duepuntozero.alemanno.

La Fondazione Nuova Italia è lieta di invitarLa al dibattito:
Le primarie di coalizione e la rinascita del centrodestra”