Pubblicato il 30 maggio 2017 da Gianni Alemanno.

conf stampa

Dopo la presentazione delle liste avvenuta sabato scorso, emergono due dati incontrovertibili da cui si deve partire per costruire il Centro Destra del futuro. Il MN è presente con propri candidati nell 80% dei comuni capoluogo. Questo è un risultato sorprendente e confortante se si tiene che il MN è nato meno di tre mesi fa, che dimostra che è impossibile escludere il nostro Movimento dallo schieramento di centro destra.

L’unità del centro destra è tutt’altro che impossibile o remota, perché da sempre le elezioni comunali del territorio sono state la base per grandi aggregazioni nazionali. Seguendo il dibattito nazionale emergono molti nodi irrisolti sia nelle regole che nei contenuti dello schieramento, ma questo è in netto contrasto con la realtà delle concrete prove elettorale in cui stiamo contendendo il territorio a sinistra e M5S. Per questo motivo l’MN chiede che all’indomani dei ballottaggi nelle elezioni comunali vengano convocati gli STATI GENERALI DEL CENTRO DESTRA aperti a tutti i partiti e movimenti schierati in modo nettamente alternativo al centro sinistra e al M5S. In un contesto di ampio dibattito e coinvolgimento popolare si potranno affrontare i nodi irrisolti che oggi dividono i partiti nel dibattito nazionale:

– LEGGE ELETTORALE, che deve scongiurare derive proporzionaliste che impediscono all’elettorato di scegliere preventivamente la maggioranza di governo;
– LE PRIMARIE che, normate per legge o organizzate spontaneamente, devono diventare anche patrimonio anche del centro destra;
– I CRITERI DI FORMAZIONE DELLE LISTE che, anche in assenza di primarie, devono essere ispirati al massimo coinvolgimento del territorio senza decisioni verticistiche prese da poche persone in una stanza;
– LA POSIZIONE SULL’EUROPA che, soprattutto dopo le presidenziali francesi, sta dividendo su due posizioni (sovranisti e aderenti al PPE) lo schieramento di centro destra, dimenticando le scadenze che aumenteranno pesantemente i vincoli di Bruxelles come la definitiva ratifica del fiscal compact e la creazione di un ministro delle finanze europeo. Queste scadenze rischiano di diventare ancora più pesanti per l’Italia proprio dopo le elezioni di Macron, il probabile rilancio dell’asse franco-tedesco ai danni degli altri paesi periferici.

Pubblicato il 30 maggio 2017 da Gianni Alemanno.

LOGO NUOVO

Noi vogliamo salvare l’Italia.

Nella nostra Nazione manca il lavoro e cresce la povertà, per colpa di una crisi economica che dura da quasi dieci anni. I flussi migratori anziché essere fermati, sono agevolati dal Governo e sfruttati dalle Ong. L’Unione Europea ci impone sempre più vincoli, mentre la globalizzazione sta distruggendo la nostra identità e la nostra ricchezza. Tutti questi problemi sono diventati dei veri e propri drammi, soprattutto da quando i governi italiani non sono più eletti dai cittadini ma decisi dai giochi di Palazzo. Anche il centrodestra oggi appare diviso e sulla difensiva rispetto alle trame di Renzi e agli slogan del M5S.

Per questo abbiamo creato il Movimento Nazionale, un movimento nuovo che nasce da una storia antica, quella della destra politica e sociale italiana.

Da quando sono scomparsi prima il Movimento Sociale Italiano e poi Alleanza Nazionale, la destra è divisa e dispersa in mille rivoli, tanti nostri elettori si sono rifugiati nell’astensionismo o in voti in libera uscita verso altri partiti. Noi vogliamo riunire la destra con un obiettivo preciso: quello di RIPRENDERE LE CHIAVI DI CASA NOSTRA. Vogliamo riprendere la nostra sovranità nazionale e popolare, per poter scegliere il nostro destino, difendere la nostra identità e costruire un futuro per i nostri figli.

La nostra è una grande Nazione e i cittadini italiani devono essere difesi nei loro diritti garantiti dalla Costituzione. Il primo diritto è quello del Lavoro, che deve essere alla portata di tutti, soprattutto dei giovani e delle famiglie. Dobbiamo promuovere la solidarietà, per non lasciare nessuno indietro. Noi vogliamo affermare la nostra identità, che è una grande ricchezza costruita in secoli di sacrifici e di sforzi creativi. Per questo non abbiamo paura di difendere prima gli italiani, contro chi vorrebbe garantire solo gli immigrati e i clandestini.

Su questi valori e su questi obiettivi vogliamo riunire la destra e il centrodestra, senza compromessi al ribasso e senza quelle incertezze che tante volte ci hanno resi più deboli della sinistra.

Noi partiremo dal territorio, che è sempre stata la nostra forza, dai cittadini che devono diventare iscritti e militanti. Rifiutiamo decisioni calate dall’alto, vogliamo che la sovranità nazionale parta dalla sovranità personale e dalla libertà di ogni singolo cittadino.

Per questo siamo in campo per salvare l’Italia.

Gianni Alemanno – Segretario Politico del Movimento Nazionale per la Sovranità

Pubblicato il 03 marzo 2017 da Gianni Alemanno.

IMMAGINE PER SITOIl Congresso Nazionale di fondazione del “Movimento Nazionale Per la Sovranità”  riunito in Roma il 18 e 19 febbraio 2017 delibera quanto segue:

  • Azione Nazionale, il Movimento Politico La Destra e le associazioni: ASI – Associazioni Sportive e Sociali Italiane, Associazione culturale Alphaomega, Nuove Frontiere, Secolo Trentino – La terra degli avi, Istituto “Nova Civitas”, C.T.I.M. Comitati Tricolore per gli italiani nel mondo, Nuove Socialità – Napoli, Nuova Italia Piemonte, Centro studi Tradizione partecipazione, Tradizione e libertà – Genova, Area Rieti, Stella del Sud, Associazione Cives Romanus, Rotta Futura, Nazione Sovrana, Valore Comune, Noi X Roma, Movimento Gioventù e futuro, Caop Ponte di Nona, Insieme per Moltalbano, Azione italiana, UDS (Uomini e donne della Sicurezza), Comitato sovranità popolare, Movimento Cantiere Italia, Movimento Comitati cittadini Roma, Verona Sociale danno vita al “Movimento Nazionale per la Sovranità” che, secondo quanto previsto dall’articolo 49 della Costituzione della Repubblica Italiana, intende concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale;
  • Il Congresso approva lo Statuto proposto dalla Segreteria Unitaria del Congresso e che viene allegato alla presente delibera in copia originale formandone parte integrante e sostanziale;
  • Secondo quanto previsto dalla norma transitoria contenuta nell’articolo 21 dello Statuto vengono eletti:

Segretario Nazionale  Gianni Alemanno

Presidente Nazionale Francesco Storace

Vice Segretario Nazionale Roberto Menia

Responsabile Dipartimento Organizzazione Roberto Buonasorte

Coordinatore Direzione Nazionale Giuseppe Scopelliti

Presidente del Collegio di Garanzia Livio Proietti

Responsabile del Dipartimento Politiche per il Nord Alessandro Urzì

Responsabile del Dipartimento Politiche per il Centro-Sud  Gabriella Peluso

Componenti del Collegio di Garanzia: Marco Di Andrea, Vincenzo Elifani, Claudio Ferrazza e Carlo Testa.

Ai quali vengono conferiti i poteri previsti dallo Statuto

  • Il Congresso, in continuità con la nostra storia, elegge altresì a Garanti del Movimento: Domenico Nania e Paolo Agostinacchio.
  • Ai sensi dell’articolo 16 dello Statuto il Congresso da mandato alla Commissione Giovanile insediatasi durante i lavori congressuali di lavorare alla costituzione del Movimento Giovanile che opererà in armonia con le finalità e i valori del Movimento Nazionale per la Sovranità, fatta salva l’autonomia della quale il mondo giovanile necessita, per lo sviluppo delle tesi politiche e dell’azione militante sul territorio. Il Congresso impegna la Commissione a presentare, durante la manifestazione del 25 marzo p.v., il logo ed il nome del Movimento Giovanile e ad assicurare una presenza unitaria al corteo. La Commissione entro il 30-4-2017 approverà lo Statuto del Movimento Giovanile nonché il calendario di convocazione delle Assemblee.
  • Il Congresso delega l’Ufficio Politico, non appena questo sarà nominato secondo le modalità di cui all’articolo 15 dello Statuto, a formalizzare la costituzione del Movimento con apposito atto pubblico contenente anche lo Statuto oggi approvato.
  • Il Segretario del Movimento curerà il deposito presso un Notaio dell’originale della presente deliberazione sottoscritta dai componenti della Segreteria Unitaria del Congresso e la trasmissione di copia autentica dell’atto depositato alla Camera dei Deputati per quanto di competenza ed all’Ufficio Territoriale del Governo di Roma.
  • Il Congresso approva le Tesi congressuali con gli emendamenti approvati dalla Commissione competente.

La delibera è stata approvata all’unanimità dal Congresso Costituente del Movimento Nazionale per la Sovranità riunito in Roma presso il Marriott Park Hotel alle ore 15,00 del 19 febbraio 2017.

Firmato:

La Segreteria Unitaria del Congresso

Pubblicato il 31 gennaio 2017 da duepuntozero.alemanno.
foto_alemanno

IL 25 MARZO  CORTEO “NO A QUESTA EUROPA” DA PIAZZA S. MARIA MAGGIORE AL CAMPIDOGLIO

IN OCCASIONE DELLA CELEBRAZIONE DEL 70° ANNIVERSARIO DEI TRATTATI DI ROMA, AZIONE NAZIONALE E LA DESTRA VOGLIONO DARE VOCE ALLA PROTESTA POPOLARE CONTRO I VINCOLI DELL’EURO E L’AUSTERITÀ EUROPEA.

Pubblicato il 31 gennaio 2017 da duepuntozero.alemanno.
appuntamenti_alemanno

Ecco l’elenco con le date e gli appuntamenti organizzati in tutta Italia:

Notizie recenti
Pubblicato il 10 ottobre 2016 da duepuntozero.alemanno.
Pubblicato il 10 ottobre 2016 da duepuntozero.alemanno.

Clicca qui per ascoltare il mio intervento sulle frequenze di Radio Roma Capitale, ospite della trasmissione “Roma ogni giorno”.