Pubblicato il 14 dicembre 2017 da Gianni Alemanno.
IMG_5648

La Sovranità Nazionale è la premessa indispensabile per dare valore  alle identità locali tanto al Nord quanto al Sud dell’Italia. È una sfida fondamentale per la nuova Lega di Salvini, a cui la nostra Destra può dare un contributo determinante, costruendo anche al Sud il Polo Sovranista che deve guidare il centrodestra italiano. Ecco il documento presentato all’Assemblea di Napoli del 7 dicembre.

documento polo sovranista

 

Pubblicato il 08 dicembre 2017 da Gianni Alemanno.
Pubblicato il 05 dicembre 2017 da Gianni Alemanno.
Salvini Alemanno Menia

L’occasione è stata la serata dedicata al Movimento Nazionale di Gianni Alemanno: ma la notizia è la ritrovata unione tra le forze locali.

Antonio Pasquini ha fatto il miracolo. Non parliamo di aver portato Gianni Alemanno e Diego Fusaro a Lecco a parlare di sovranismo nazionale (ieri sera a palazzo Falck). Parliamo invece di aver riempito la sala conferenze, e di aver fatto sedere allo stesso tavolo Mauro Piazza (Energie per l’Italia), Davide Bergna (Forza Italia) e Flavio Nogara (Lega Nord).

I presenti
Senza contare il pubblico. In sala, infatti, c’erano i leghisti Antonello Formenti, Luca Caremi, Giovanni Colombo, Giorgio Siani e Elena Zambetti. C’era Filippo Boscagli e Antonio Conrater, e anche il segretario del Partito anti-islamizzazione, Stefano Cassinelli. C’era il sindaco di Pescate, Dante De Capitani, e il mondo della destra (con Carlo Di Pietrantonio e Christian Frigerio). Nel pubblico anche Fabio Dadati, il segretario lecchese del movimento di Tosi, Galimberti, e Marco Cariboni. Presente anche Fratelli d’Italia.

Le parole
“Mettiamo da parte gli errori del passato” è stato lo slogan della serata, dopo le parole di Alemanno. “Possiamo e dobbiamo a governare Lecco”.

Fonte: Giornale di lecco

 

Pubblicato il 05 dicembre 2017 da Gianni Alemanno.
IMG_5598

Verona – Si è svolta questa mattina a Verona la conferenza stampa con Gianni Alemanno (segretario MN), Lorenzo Fontana (europarlamentare, vicesegretario federale della Lega e vicesindaco Verona) e Vittorio di Dio (direzione nazionale MN) per spiegare l’appoggio del Movimento Nazionale a Salvini Premier. Il vicesegretario federale della Lega Fontana dichiara “Ringrazio Alemanno per la partecipazione alla conferenza stampa, ma soprattutto per il sostegno dichiarato a Matteo Salvini. Una partecipazione volta a sostenere un percorso comune che guarda oltre le elezioni politiche. Il futuro è sicuramente lì, in una grande alleanza, un progetto identitario non solo a livello italiano ma anche europeo.” Riguardo all’irritazione che questa alleanza avrebbe provocato in Giorgia Meloni, Fontana aggiunge “Non è più tempo di veti personali, ma di idee comuni. Ne va del futuro del nostro popolo e dei nostri figli”.

Il segretario del Movimento Nazionale Alemanno spiega che il percoso di avvicinamento alla Lega era già iniziato da tempo “Abbiamo cominciato con la battaglia per il Referendum sull’autonomia di Lombardia e Veneto il dialogo con la Lega, che ci permette oggi di schierarci per Salvini premier come punto di riferimento del polo identitario e sovranista all’interno di un centrodestra unito. La destra nazionale – prosegue Alemanno- non puó non ritrovarsi nella grande battaglia per la sovranità nazionale contro l’invasione di immigrati e la sudditanza nei confronti di Bruxelles per portare il lavoro italiano fuori dalla crisi”.
Giovedì 7 dicembre a Napoli si terrà un’Assemblea organizzata dal Movimento Nazionale e da Fronte identitario con la partecipazione tra gli altri di Giancarlo Giorgetti della Lega, per presentare a livello nazionale i Comitati per Salvini Premier.

Pubblicato il 01 dicembre 2017 da Gianni Alemanno.
IMG_5454

“Cara Giorgia Meloni ho letto la tua intervista su Il Fatto Quotidiano ti segnalo sommessamente che ho già dichiarato in modo ufficiale che io non sarò candidato alle elezioni politiche. Parla di contenuti non di retroscena inesistenti”. E’ quanto scrive su Twitter il segretario del Movimento Nazionale Gianni Alemanno. (ANSA)

Pubblicato il 30 novembre 2017 da Gianni Alemanno.
foto-conferenza

Rassegna conferenza stampa per la presentazione dei comitati per Salvini Premier organizzata da MNS e Fronte Identitario, a cui hanno partecipato Gianni Alemanno (segretario nazionale MNS), Francesco Storace (presidente nazionale MNS), Giancarlo Giorgetti (vicesegretario federale Lega), Antonio Buonfiglio (Fronte Identitario) Gabriella Peluso (responsabile Dipartimento nazionale Centro-Sud MNS).

rassegna stampa

Pubblicato il 29 novembre 2017 da Gianni Alemanno.

(ANSA) – ROMA, 29 NOV – “Il nostro obiettivo strategico è la costruzione di un polo sovranista che serva nel centrodestra unito. Noi vogliamo un centrodestra unito che è garanzia di vittoria ma per questo vanno fatte scelte chiare. Nel centrodestra c’è un bipolarismo tra il polo sovranista guidato da Salvini ed il polo liberale di Berlusconi, noi ci schieriamo con il polo sovranista e lanciamo i comitati per Salvini premier. Crediamo che un Salvini sopra il 20% sia la garanzia contro governi tecnici e inciuci. Crediamo che la vittoria delle forze che fanno riferimento a lui sia anche la garanzia di un ancoraggio a destra”. Lo afferma Gianni Alemanno del Movimento Nazionale per la sovranita’ nel corso di una conferenza stampa a Montecitorio insieme a Francesco Storace, Antonio Buonfiglio (Fronte identitario) e Giancarlo Giorgetti vice segretario della Lega per presentare la manifestazione in programma il 7 dicembre a Napoli identità e lavoro, il riscatto del Sud, l’unità dell’Italia” che rappresenta un ulteriore avvicinamento al Carroccio. Sia ALEMANNO che STORACE però ci tengono a precisare che la decisione di sostenere Salvini non è di oggi e non è assolutamente “una manovra elettorale” ma si tratta di un percorso “iniziato con il congresso di febbraio”. “C’è una scelta in campo da fare – spiega ancora ALEMANNO – c’è la possibilità di costruire anche in Italia un polo sovranista. La volontà è quella di tenere unito il centrodestra in una logica di sovranita’ nazionale”. Prima della manifestazione del 7 dicembre, spiega ancora l’ex presidente della regione Lazio: “Faremo partire una direttiva alle nostre strutture territoriali per partecipare all’iniziativa della Lega contro lo ius soli in programma questo fine settimana. Noi abbiamo bisogno di recuperare il rapporto con gli elettori, spiegare il programma e non fare l’elenco dei ministeri”. Dello stesso parere anche Buonfiglio che spiega la ragione per cui a inizio legislatura e’ nato il fronte identitario: “Con la scomparsa di molti uomini della destra nelle Istituzioni, sono nate sul territorio associazioni e movimenti che insieme hanno portato avanti delle iniziative e l’ultima delle quali è quella contro ius soli. La melassa neo centrista ci imponeva di non far scomparire l’identità della destra e L’avvicinamento alla Lega è per evitare che nello schieramento prevalga quella sensazione neo centrista o inciucista”. Plaude alla decisione il vice segretario della Lega Giorgetti “Noi – spiega – vogliamo un centrodestra inclusivo ma il perimetro di questo nuovo centrodestra deve essere chiaro e coerente e in questi giorni ci sembra che ci sia confusione. C’è’ chi per anni ha sostenuto la distruzione di alcuni capisaldi appoggiando i governi Renzi e Gentiloni e ora vuole migrare verso la coalizione che sembra vincente. Il perimetro non sono le candidature ma le idee chiare e noi riteniamo che all’interno di questa coalizione le esprima Matteo Salvini. Siamo felici che in tanti abbiano riconosciuto a Salvini il ruolo di trascinatore e potenziale leader della coalizione però affinché questa coalizione non sia solo una maggioranza elettorale è necessario che chi condivide il nostro motto “sovranità identità e comunità sia il più forte”.

Pubblicato il 27 novembre 2017 da Gianni Alemanno.
FOTO COM 2 (1)

Mercoledì 29 novembre alle ore 10 nella sala stampa della Camera dei Deputati (Via della Missione 4) si terrà la conferenza stampa con la partecipazione di:
GIANCARLO GIORGETTI (vice segretario federale della Lega)
GIANNI ALEMANNO (Segretario nazionale MNS)
FRANCESCO STORACE (Presidente nazionale MNS)
ANTONIO BUONFIGLIO (Fronte Identitario)
GABRIELLA PELUSO (Responsabile nazionale Dipartimento politiche del Centro-Sud MNS)

Nel corso della Conferenza sarà presentata l’Assemblea del 7 dicembre a Napoli promossa dal Movimento Nazionale per la Sovranità e dal Fronte Identitario con la partecipazione di esponenti della Lega e di Noi con Salvini, sul tema:
“SOVRANITÀ, IDENTITÀ E LAVORO: IL RISCATTO DEL SUD, L’UNITÀ DELL’ITALIA”.

Notizie recenti
Pubblicato il 23 novembre 2017 da Gianni Alemanno.

Nell’Assemblea “IDENTITÀ E LAVORO IL RISCATTO DEL SUD, L’UNITÀ DELL’ITALIA” che si svolgerà a NAPOLI GIOVEDÌ 7 DICEMBRE alle ore 17 – alla Stazione Marittima (Molo Beverello), lanceremo i temi con cui il Polo Sovranista e Fronte Identitario possono interpretare le istanze di riscatto del Mezzogiorno d’Italia. È un’antica sfida per tutti coloro che vengono dalla tradizione della destra nazionale, ma soprattutto un salto di livello che la Lega di Salvini e Giorgetti è chiamata a realizzare in vista dei prossimi appuntamenti elettorali. La Sovranità Nazionale è la premessa indispensabile per dare valore alle identità locali tanto al Nord quanto al Sud.

Pubblicato il 13 novembre 2017 da Gianni Alemanno.

“Il Movimento Nazionale per la Sovranità crede nell’unita’ del centrodestra appoggiando la candidatura di Salvini premier.“ Ha dichiarato Alemanno nella sua relazione dell’assemblea del movimento a Roma. Alemanno ha tra l’altro annunciato una manifestazione per il 30 novembre a Napoli con il vice-segretario della Lega Giancarlo Giorgetti che dovrebbe ufficializzare questa posizione: la posizione di un movimento che elettoralmente vale l’uno per cento come risulta dai sondaggi dell’Euroreserch della Ghisleri. Alemanno chiarisce di non avere “intenti personali” e annuncia che non si ricandidera’ alla prossime elezioni. E nel contempo chiede a Silvio Berlusconi di avere un atteggiamento “super partes” in questa partita lasciando ad altri nel suo partito la leadership del polo liberal-popolare che si misura con quello sovranista all’interno del centrodestra unito. L’esponente del Movimento Nazionale non esclude la possibilita’ di presentare una lista del Movimento Nazionale nella coalizione di centrodestra. Infine per trovare una sintesi programmatica valida per tutto il centrodestra propone di integrare il motto del Cavaliere (meno tasse, meno stato e meno Europa) con “meno tasse, meno burocrazia, meno Europa” aggiungendo “piu’ lavoro, piu’ Italia e piu’ sovranita’”. [ANSA]